GRANCASSA

by Tenedle - Album 2010

supported by
/
  • Compact Disc (CD) + Digital Album

    ships out within 8 days

      €12 EUR

    You own this  

     

1.
Hikikomori 03:37
Io e te dentro siamo due isole Fuori il mare è nero Da quando sono al mondo mi sembra un inferno So che per te è uguale Hikikomori Essere soli fingersi liberi In un centro commerciale Da quando sei entrata ho qualcosa per cui sognare Non posso più lasciarti andare Hikikomori Lo so che anche tu hai paura e prima di uscire è meglio farsi soli In un mondo virtuale La personalità in prigione ma il tempo vedrai ci darà ragione Il mondo cambia inevitabilmente e cambia in fretta Hikikomori Dentro la mia stanza oggi è il mio compleanno Non mi serve niente Mia madre mi accudisce mio padre ubriaco Mi costruisce un ponte Hikikomori Testo e musica : Tenedle (Dimitri Niccolai)
2.
Giro il mondo che gira con me E i piedi non sento più Ho viaggiato a bordo di ogni mezzo assurdo A nord ovest est e a sud Questo non è lo stato in cui mi cerco Anche se ancora non rinuncio al sogno Ogni incontro mi apre una via Diversa e possibile Come un pellegrino assetato divino Forse non c’è lo stato in cui mi cerco Anche se ancora non rinuncio al sogno Puoi nasconderti Travestirti Fare la peste Ma la realtà sa chi sei E c’è un viandante che viaggia con me Mi segue e non parla mai Lui sa cos’è lo stato in cui mi cerco E’ accanto a me per riportarmi a casa Puoi nasconderti Travestirti Fare la peste Lui sa chi sei Testo e musica : Tenedle (Dimitri Niccolai)
3.
Ideale 04:13
Ogni cattivo pensiero è un mostro Prende la forma che tu gli vuoi dare Sentirsi soli è una brutta scusa Non si abbandona così ciò in cui credi Vai lentamente Controcorrente È uno stato mentale Stai con la tua mente In un mondo ideale Niente di ciò che ti accade è un trucco Anche se a scegliere non sei sempre tu C’è un parafulmine su ognuno di noi Tornano indietro i tuoi lampi di genio Vai lentamente Controcorrente È uno stato mentale Stai con la tua mente In un mondo ideale Stai nel tuo ambiente con la tua gente E quando sembra irreale Stai con la tua mente In un mondo ideale Ogni cattivo pensiero è un mostro Prende la forma che tu gli vuoi dare Sentirsi soli è una brutta scusa Non si abbandona così ciò in cui credi
4.
Io sono l’inventore delle cose che tu sogni Sono il manovratore della vita Che tu credi di condurre O forse sono il frutto della vostra fantasia Un dio che scrive regole e che aggiorna Il suo catalogo sull’idiozia Ti ho dato l’illusione di essere libero La libertà non c’è Non hai che la capacità di mitizzare la stupidità Io ho tutto non ho niente Io ho tutto non ho niente La vita ti violenta La fede nell’umanità In una catapulta Come è facile educare con il Napalm Con il Napalm Non me ne occupo perché Le cure estetiche ho alle tre Ma è una questione da affrontare Con il mio motivatore mentale
5.
Lascia tutto come è ora Disordine incluso Domani getterò le cose che oggi uso Non so dove sarai Quando improvvisamente Il muro della diga crolla e l’acqua arriva Ma ora ferma Sto sognando che Ciò che sento e che vedo Sta accadendo In un’altra dimensione stai cercando senza spiegazione e stai vagando e perdi la ragione ed il momento sfugge Ed è uno su un milione Ma ora ferma Sto sognando che Ciò che sento e che vedo Sta accadendo La mia mente riesce a immaginare un luogo dove riposare Senza bene e senza male Ma ora ferma Sto sognando che Ciò che sento e che vedo Sta accadendo Le montagne dividono persone Ma i muri li fa il tempo Già ieri è insormontabile Ed è un abisso di amore che ci fu E che non c’è più La mia mente riesce a immaginare un luogo dove riposare Senza bene e senza male Voglio fermarla non voglio andare Voglio tornare indietro Testo e musica : Tenedle (Dimitri Niccolai)
6.
La vostra città Le vostre storie Si spostano da se Se osservo le nuvole Le stesse che un tempo lontano da qui Adesso mi cadono addosso implacabili E’ solo apparenza è solo rumore La differenza devo imparare Come si vive come si muore Come si cura il mio malumore La cura cura Il suono Cura! E c’è posta per dio Ma lui non è qui E ognuno prega il suo Ma nessuno lo ascolta Io cerco il senso del “rumorismo” E prego rinchiuso nel mio “mono-stereo” E’ solo apparenza è solo rumore La differenza devo imparare Come si vive come si muore Come si cura il mio malumore La cura cura Il suono Cura! Testo e musica : Tenedle (Dimitri Niccolai)
7.
Maledizione 03:24
Guardami Non è facile Il verme che ho dentro vorrebbe ballare con te Ma stasera che ho in mente i miei passi Tu non mi vuoi Si io lo so Gli altri parlano La strega cattiva vorrebbe saltarti sul cuore Ma tu insegnami cose da dire Io parlerò Via questa luce Si accendono i miei sogni Tutto il resto tace Riposa in pace E gli anni passano Come nuvole nere E il cielo che fuori diventa ogni giorno più buio Mentre il cielo che ho dentro ti aspetta Ed è blu Guardami Sono esanime E tu sei il vampiro che beve ogni mia illusione Non so farmene più una ragione Salvami Le stelle ora brillano Le ho messe dove volevi tu Ho solo una luna da dividere Ma che vuoi di più
8.
Boomerang 04:02
Nella vecchia fattoria ci rinchiusero mia zia Ma se chiedi di vederla son sicuro che non cè Nella casa di mia zia quante cose porti via Ma se vai a visitarla c’è una stanza anche per te Sei sveglio ed ascolti la dolce notte Al buio ti parla la voce dentro Se giochi col mostro cammini come il mostro E un giorno Ti trasformi in cio che sei Che istintivamente sempre stato sei Parlerò solo se me lo chiedi Ti dirò cosa vuoi che ti dica Smetterò quando tu vuoi silenzio Sparirò senza fare rumore Solo come un cane Non mi illumino d’immenso Non mi curo con l’incenso Solo come un cane Ho bisogno di silenzio Il dolore è ancora intenso Solo come un cane Se la osservi controverso Vedi tutto l’universo Solo come un cane Ma oramai non ha più senso Dire quello che io penso e perché Nella vecchia fattoria ci rinchiusero mia zia Ma se chiedi di vederla son sicuro che non cè Nella casa di mia zia quante cose porti via Ma se vai a visitarla c’è una stanza anche per te
9.
Hai Fai 04:00
Se vuoi io resto ma Facciamo presto ciò che vuoi Parlare non ci serve più Ci vuole un’altra idea Un altro “Hai fai” Tutto il mondo dice di volerti bene Tutto il mondo dice di pensare a te Tutto il mondo dice di volerti bene E allora che bisogno di gridare c’è Che cosa vuoi da me Che cosa ho io per te Lo vuoi o non lo vuoi Tutto il mondo dice di volerti bene Tutto il mondo dice di pensare a te Tutto il mondo dice di volerti bene E allora che bisogno di gridare c’è Tu guardi le vetrine Io che cerco le colline Sbattuti dalle stesse onde La seguo attentamente Questa coda di serpente Dove finisce il nostro amore Tutto il mondo dice di volerti bene Tutto il mondo dice di pensare a te Tutto il mondo dice di volerti bene E allora che bisogno di gridare c’è
10.
Grancassa 01:15
Lunga è la strada ed ho freddo e fame Il mio cavallo ha una febbre infame C’è una locanda e se hai coraggio Entraci e uscirne è già metà viaggio Pum pum pum Suona la grancassa Lungo il cammino ho incontrato il male Quanto ho pregato per arrivare Credevo di essere pronto a tutto Rivoglio indietro il tempo perduto Seduto al tavolo a riposare Prendere appunti poi meditare L’Oste è impaziente non c’è più tempo Ecco il suo conto è ora di pagare
11.
La spiaggia 04:26
Conto le immagini e lo spazio dentro me Quanta memoria mi rimane ancora Non c’è più orizzonte dove perdersi ogni tanto un’ora Ed è sempre più difficile portare il peso delle cose La strada la conosci ormai E sai quanto costa giocare Io invece ho perso il filo Non riesco più a tornare E resto seduto sulla sabbia Questa è la mia ultima spiaggia Non c’è nessuno che mi aspetta Mi accorgo che la terra è fredda Le frasi da non dire mai Le buche quelle da evitare Io non le so saltare E poi mi sento male E resto seduto sulla sabbia Questa è la mia ultima spiaggia Non c’è nessuno che mi aspetta Mi accorgo che la terra è fredda L’infinito fa tremare L’orizzonte no L’orizzonte fa sognare Non è vuoto
12.
Più cose hai e più ne chiedi Più cose hai e più mi perdi La mia casa è in fiamme La mia schiena è a pezzi Ma una parte di me È nelle cose infinite Che tu non sai vedere Non ti lascio niente da tenere Più cose hai e più ne chiedi Più cose hai e più non stai in piedi Io sono ottimista E detto senza offesa Con o senza di te È per le cose infinite Quelle da imparare Che il mio basso ventre vuol vibrare Più cose hai e più ne chiedi Più cose hai e più non ci credi Tutti i tuoi capricci Sparsi per il mondo Con la fame che c’è È per le cose infinite Quelle mai compiute Che una vita merita salute.
13.
Cosa ti spaventa se ti tolgono i vestiti E non hai niente Dietro cui nasconderti Dopo due secondi appena puoi sentirti un altro E la tua scena nudo puoi goderti Sono egocentrifugo Ma non sono il vostro caso clinico Sono un dinosauro eh! Ma non mi sono mai estinto Cosa non mi diverte è che sei pronto a rinnegare Nel terrore Le migliori idee che hai Storia e scienza fanno luce ma purtroppo L’evidenza dice L’uomo non impara mai Sono egocentrifugo Ma non sono il vostro caso clinico Sono un dinosauro eh! Ma non mi sono mai estinto Che splendida creatura ha gli occhi di sua madre Vi prego distruggetela con cura è fragile Cosa ti riserva questo tempo senz’amore Se non riesci a lacrimare sangue Cosa ti rimane quando sfondi la grancassa E il cuore esplode Sono egocentrifugo Ma non sono il vostro caso clinico Sono un dinosauro eh! Ma non mi sono mai estinto Che splendida creatura ha gli occhi di sua madre Vi prego distruggetela con cura è fragile E’ bella più di un sogno e brilla come il sole Vi scrivo tutto ciò di cui ha bisogno è facile
14.
In Feedback 03:53
Io non so di esistere Cerco di resistere Perdo l’equilibrio ma So che devo insistere Credo l’incredibile Vedo l’invisibile Ho una possibilità e Chiedo l’impossibile Quando si avvicinano Come mi tormentano Quasi mi convincono Le ombre che mi chiamano Fin che sputi l’anima E loro si allontanano in feedback Guardali i tuoi simili Come si comportano Credono di aver ragione Solo se si offendono Nella solitudine Io sarò l’incudine Preferisco il caos del cielo A questa moltitudine Non so quanti siano ma Gli astri che ora brillano Sono più degli uomini E i loro dei che strillano Nel silenzio che ora c’è Un dio non è credibile per me God is unbelievable!

about

Music & Lyrics : Tenedle
Produced by Tenedle
www.tenedle.com

Ordina l'album (cd) e ricevi la versione mp3 gratuita.
Order her the album (cd) and get the mp3 version for free.
www.tenedle.com

credits

released December 8, 2010

Label : Udu records - Sussurround
Music & Lyrics : Tenedle
Produced by Tenedle
photography : Iuri Niccolai
Cover design : Miranda's painting

Tenedle : vocals, electronics, piano, guitars
Marydim : vocls
Silvia Vavolo : vocals
Rocco Brunori : trumpet
Vanessa Tagliabue Yorke : vocals
Manolo Nardi : trumpet
Dino Giusti : guitar

www.tenedle.com

license

all rights reserved

tags

about

Tenedle Amsterdam

TNDL is a composer songwriter producer performer born in Florence Italy living in The Netherlands.
Distinguished by a mix of songwriting, electronic music, themes from the imaginary Tenedle’s projects have led the press to call him a visionary songwriter and his songs described as small films.
T is contemporary independent artist and his music a personal universe. find more atwww.tenedle.com
... more

shows

contact / help

Contact Tenedle

Streaming and
Download help

Shipping and returns

Report this album or account